NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sull’uso dei cookie

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall’Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, dell’articolo 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, numero 196, e dal provvedimento generale (doc. web n. 3118884) del Garante per la protezione dei dati personali, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014, registro dei provvedimenti n. 229 dell’8 maggio 2014 in materia di Cookie, recante “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”.

Definizioni

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell’utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

I cookie possono essere tre tipi:

· I cookie tecnici sono quelli che vengono usati per fornire il servizio in modo migliore a chi ne usufruisce.

· I cookie di profilazione sono “volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete”.

· I cookie di terze parti sono cookie vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l’utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito

Tipologia dei cookie utilizzati

Questo sito utilizza solamente dei cookie tecnici e cookie di terze parti allo scopo di migliorare l’esperienza di navigazione. L’utente può negare il proprio consenso all’utilizzo dei cookie, anche disabilitando preliminarmente la funzione dal proprio browser. Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione.

Gestione dei cookie

L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Si riportano in seguito alcuni link contennenti le guide per accedere al pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

PIAZZA DON GIUSEPPE BIANCO

Scritto da Tratto da "ECOMESE". Postato in storico

don-Bianco-GiuseppeFigura di semplice eroe, generoso e coraggioso, discreto e riservato, don Bianco nasce nel 1879 a Dronero, ma per 45 anni è parroco a Villar Bagnolo.

Il momento storico, segnato dalla miseria e dalle grandi guerre, diventa occasione per esprimere tutta la sua attiva solidarietà.

Per i poveri vecchi che mendicano istituisce una sorta di mensa, offrendo loro un piatto di minestra.

Vicino alla gente, predica in dialetto e accorre al capezzale di ogni malato.

Durante il Secondo conflitto mondiale, inizia a tenere un diario in cui scrive, tra l'altro, il racconto dell'eccidio del 30 dicembre 1943, riportando con dolore i nomi dei 13 civili uccisi per rappresaglia.

È tra i protagonisti della trattativa con i tedeschi per ottenere, in cambio della restituzione di tre ufficiali tenuti in ostaggio dalla Resistenza, la salma di "Fanfulla", partigiano 17enne.

E quando un contadino sta per essere fucilato dopo un rastrellamento, si offre per morire al posto suo: l'ufficiale, colpito dal coraggio di don Bianco, lascia vivere entrambi.

A questo prete ancora oggi ricordato ed amato è stata intitolata una piazza.


tratto dalla rubrica sulla Toponomastica dell' "Ecomese"

Francesco Noello

Scritto da Super User. Postato in storico

noelloFrancesco Noello, contadino della frazione Villar (Bagnolo Piemonte) che con semplici e genuine espressioni miste di dialetto piemontese e di lingua italiana ci dà un panorama completo ed umano di quello che fu la lotta partigiana nel dicembre 1943 e nel 1944, ed a quali e quante sofferenze, lutti, rovine e saccheggi gli abitanti delle zone doperazione, furono sottoposti a causa delle barbare rappresaglie nazifasciste.

Eccidio del 30 Dicembre 1943

Scritto da Super User. Postato in storico

L'eccidio del 30 Dicembre '43 in un documento dell'epoca

Relazione sulla venuta a Bagnolo di reparti di truppa tedeschi nel giorno 30 dicembre 1943 e loro operazioni di guerra contro gli abitanti del paese.

Giunti nell'abitato della frazione S. Pietro, bloccarono subito fin dalle ore 8 del mattino tutte le vie d'entrata, con sentinelle armate, per poi iniziare le loro operazioni di rastrellamento.

Mentre le pattuglie perlustravano casa per casa l'abitato, altri quasi con meta prestabilita, appiccavano il fuoco a diverse abitazioni, prendendo di mira specialmente le osterie; in poco tempo si videro diverse case in preda alle fiamme, mentre veniva vietato in modo assoluto, che qualcuno si adoperasse a spegnere gl'incendi che divampavano.

Quasi ogni casa veniva intanto perlustrata, frugata in ogni angolo per vedere se per caso vi fossero partigiani nascosti.

Intanto altri drappelli si dirigevamo alle frazioni Villaro e Villaretto risalendo i relativi valloni per dare la caccia agli sbandati. In poco tempo tutte le colline ed i valloni risuonavano di colpi di mitragliatrice, di moschetto, come durante lo svolgersi d'un furioso combattimento.

La popolazione terrorizzata si era chiusa nelle proprie abitazioni, il paese era solo percorso dai soldati, che arrivavano in drappelli e ripartivano per altre località ancora da esplorare.

Verso sera, quando si accinsero a lasciare il paese e cominciarono a giungere le notizie dalle varie frazioni, si seppe che in frazione S. Pietro, nella regione Serra, erano stati fucilati Albertengo Antonio d'anni 51 ed un giovane, Salusso Chiaffredo d'anni 21, trovati nel cortile della loro abitazione ed ivi passati per le armi a titolo di rappresaglia e per terrorizzare.

Dalla frazione Villaro le notizie giungevano molto più gravi, perché era stata compiuta in quella frazione una vera razzia e ne erano stati uccisi a colpi di fucile o di pistola tredici individui, appartenenti a tutte le età, rei soltanto di avere, alla vista della truppa, presi da panico e spaventati dal rumore delle fucilate, tentato di fuggire in cerca di qualche riparo o difesa naturale.

Quasi tutte, o parte delle loro abitazioni, venivano date in preda alle fiamme, cosicché la regione prese ben presto l'aspetto d'un immenso fumaiolo; ben trenta abitazioni erano distrutte dalle fiamme.

Dalla frazione Villaretto non giungevano notizie dissimili da quelle del Villar. Tutte le abitazioni trovate chiuse, o perché gli abitanti intimoriti le avevano abbandonate, o perché assenti gli abitanti per motivi di lavoro, o anche aperte, ma assenti i proprietari, venivano incendiate.

In quella regione alcuni partigiani facevano una piccola resistenza a mezzo d'una mitragliatrice, nella parte superiore della regione Olmetto, ma venivano presto sopraffatti e costretti alla fuga, lasciando sul terreno due dei loro morti.

Intanto alcuni giovani, sorpresi nascosti in una casa della regione, venivano cacciati e spinti fino nei pressi della Cappella Olmetto ed ivi uccisi poco dopo a colpi di moschetto; tre di questi erano i due fratelli Perrone ed un certo Barale, tutti della frazione Villaretto. I cadaveri venivano abbandonati sul posto.

Triste bilancio dell'eccidio del 30 dicembre erano in totale 22 morti di cui: 2 alla frazione S. Pietro, 13 alla frazione Villaro e 7 alla frazione Villaretto; tutti, eccetto due, del paese, e non aggregati, né appartenenti in alcun modo a gruppi di partigiani; i due giovani non del paese sembra fossero: uno di Villafranca e il secondo di Torino.

Anche la frazione Villaretto e quella di Olmetto ebbero circa una ventina di case date in preda alle fiamme. Tutte le vittime ebbero onorata sepoltura ed unanime rimpianto da parte della popolazione. E furono seppelliti nei camposanti del Comune, eccetto i due soprannominati che vennero sepolti in quello di Famolasco.

Il motivo della spedizione e della operazione di guerra compiuta era quello di terrorizzare gli abitanti affinché non dessero più mano ai partigiani e indurre, con lo spavento, i giovani renitenti alla chiamata, a presentarsi alle armi.

complesso feudale

Scritto da Super User. Postato in storico

villar-castelloSu un colle si erge l'antico castello risalente al secolo XI°, una vera e propria fortezza ora ampliata e che presenta caratteri quattrocenteschi.

Castello-VillarÈ notevole la torre cilindrica che contiene la scala sul cui ingresso sussistono resti d'affreschi raffiguranti stemmi.

Troviamo ancora resti della doppia cinta di mura che circonda il dosso a due diversi livelli d'ogni cinta rimangono tratti dell'ingresso con feritoie ad arco acuto.

Ai piedi del dosso i conti Malingri di Bagnolo eressero, forse già nello XV° secolo un castello uso abitazione, ampliato e modificato più volte e trasformato, attualmente conserva la facciata settecentesca con alcune strutture antiche d'epoca diversa.

Ambedue i castelli sono di proprietà privata del Barone Oreglia d'Isola.

Castello-Villar-stampa

Nel disegno che ritrae il castello di Villar di Bagnolo, rappresentato nella sua posizione dominante, nella veduta della pianura, si coglie come elemento emergente il profilo della Rocca di Cavour

Cippo di San Rocco

Scritto da Super User. Postato in storico

cipposi trova lungo via Cave, salendo sulla sinistra, poco prima dell'ex alimentari da Biagio,venne costruito sul luogo dove furono trucidati insieme 5 dei 13 civili villaresi che perirono nel triste eccidio del 30-12-1943.


L'eccidio raccontato da Francesco Noello, contadino della frazione Villar (Bagnolo Piemonte)


Nei primi anni dopo la liberazione venne eretta in questo luogo per volontà dei villaresi e dei famigliari delle vittime una semplice croce che poi venne sostituita dall'attuale monumento.

cippo1«MENTRE LE NOSTRE VITE SI SPEGNEVANO VITTIME DELLA OPRESSIONE NEI NOSTRI OCCHI SI ACCENDEVA UNA VISIONE LIBERTÀ»

sanrocco

Altri articoli...